12 verità che ho imparato dalla vita e dalla scrittura – Se fai qualcosa, fai qualcosa di veramente sano, affettuoso o gentile, avrai sensazioni positive e d’amore.

Mio nipote di 7 anni dorme proprio nella stanza in fondo al corridoio e spesso la mattina si sveglia e dice: “Sai, questo potrebbe essere il giorno più bello di tutti”. E altre volte, nel bel mezzo della notte, chiama con voce tremante: “Nonna, ti ammalerai e morirai?”

Penso che questo riassuma bene per me e per tante persone che conosco il fatto che siamo un fritto misto di aspettative di felicità e paura. Così, qualche giorno prima di compiere 61 anni, mi sono seduta e ho deciso di fare una lista delle cose di cui sono sicura. C’è così poca verità nella cultura popolare ed è bene essere sicuri di alcune cose.

Per esempio, non ho più 47 anni, anche se quella è l’età che mi sento e l’età che mi piace pensare di avere. Verso gli 80 anni, il mio amico Paul diceva di sentirsi come un ragazzo con qualcosa di estremamente sbagliato.

La nostra vera persona è fuori dal tempo e dallo spazio, ma guardando i documenti, in realtà vedo che sono nata nel 1954. Il mio io interiore è fuori dal tempo e dallo spazio. Non ha età. Ho tutte le età che ho avuto, e anche voi, sebbene io non possa fare a meno di dire, per inciso, che sarebbe stato meglio se non avessi seguito le regole per la cura della pelle degli anni ’60, che prevedevano di prendere più sole possibile ricoperti di olio per bambini, crogiolandosi nel riflesso di uno scudo protettivo di carta stagnola.

Eppure è stato così liberatorio affrontare il fatto di non essere più negli ultimi spasimi della mezza età, che ho deciso di scrivere ogni minima cosa vera che conosco. Le persone al giorno d’oggi si sentono condannate e sopraffatte, continuano a chiedermi cosa sia vero. Quindi spero che la lista delle cose delle quali sono praticamente certa, possa offrire delle istruzioni d’uso basilari a chiunque si senta veramente schiacciato o tormentato.

1. la prima cosa, la più vera, è che tutta la verità è un paradosso. La vita è un regalo prezioso e misteriosamente bello, ed è impossibile qui, dalla parte dell’incarnazione delle cose. È stato davvero un brutto abbinamento per quelli di noi che sono nati molto sensibili. È così difficile e strano che a volte ci viene da chiederci se qualcuno ci sta prendendo in giro. Allo stesso tempo è piena di dolcezza e bellezza strazianti, di povertà disperata, di alluvioni, di bambini, di acne e di Mozart, tutto vorticante insieme. Non penso sia un sistema ideale.

2. quasi tutto riprenderà a funzionare se staccate la spina per qualche minuto…inclusi voi!

3. non c’è praticamente niente al di fuori di voi che vi potrà aiutare in modo durevole, a meno che non siate in attesa di un organo. Non puoi comprare, ottenere o fissare un appuntamento con la serenità e la tranquillità. Questa è la verità più orribile e non la sopporto. Ma è un lavoro interiore. Non possiamo programmare la pace o un miglioramento durevole per le persone che amiamo di più al mondo. Devono trovare la loro strada, le loro risposte. Non potete correre dietro ai vostri figli grandi, con la crema solare e il burrocacao nel loro viaggio dell’eroe. Dovete lasciarli andare. È irrispettoso non farlo. E se il problema è di qualcun altro, probabilmente non avete la risposta in ogni caso.

Il nostro aiuto di solito non è molto utile. Il nostro aiuto è spesso tossico. L’aiuto è il lato positivo del controllo. Smettetela di aiutare così tanto. Non date il vostro aiuto e la vostra bontà a tutti.

4. tutti sono incasinati, spezzati, aggrappati e spaventati, anche coloro che sembrano avere tutto sotto controllo. Sono molto più simili a voi di quanto possiate credere, quindi cercate di non confrontare la vostra parte interiore con la parte esteriore degli altri. Vi renderà solo peggiori di quanto non lo siate già. Per di più, non si può salvare, correggere o soccorrere nessuno di loro o far diventare sobrio qualcuno. Quello che mi ha aiutato a tornare pulita e sobria 30 anni fa, è stata la catastrofe del mio pensiero e del mio comportamento. Così ho chiesto aiuto a degli amici sobri, e mi sono rivolta a un potere più alto. Un acronimo di Dio è “Il regalo della disperazione” G-O-D (“gift of desperation”) o come ha detto un mio amico sobrio: stavo peggiorando più in fretta di quanto potessi abbassare i miei standard. Quindi Dio, in questo caso, potrebbe significare: “io che finisco tutte le buone idee”.

Mentre aggiustare e salvare e tentare di soccorrere è inutile, una profonda cura di se stessi è fondamentale, si irradia da voi all’atmosfera come una brezza fresca. È un enorme regalo al mondo.

Quando le persone reagiscono dicendo: “Non è un po’ troppo piena di sé?” fate solo un sorrisetto come quello di Monna Lisa e preparate a tutti e due una buona tazza di tè. Essere pieni di affetto per il proprio io bizzarro, egocentrico, irritabile e fastidioso, significa casa. È dove inizia la pace nel mondo.

5. la cioccolata con il 75% di cacao non è veramente cibo. Il suo uso migliore è quello di esca nelle trappole per serpenti, o per stabilizzare le sedie traballanti. Non è stata fatta per essere considerata commestibile.

6. la scrittura. Tutti gli scrittori che conoscete scrivono delle prime bozze terribili, ma restano inchiodati alla sedia. Questo è il segreto della vita. Questa è probabilmente la differenza principale tra voi e loro. Semplicemente, loro lo fanno. Lo fanno con un accordo preliminare con se stessi. Lo fanno come fosse un debito d’onore. Raccontano le storie che li attraversano un giorno alla volta, poco alla volta. Quando mio fratello maggiore era in quarta elementare, doveva consegnare una tesina sugli uccelli per il giorno dopo, e non aveva ancora iniziato. Così mio padre si sedette con lui con un libro di Audubon, carta, matite e fermacampioni –– per chi è un po’ meno giovane e si ricorda dei fermacampioni — e disse a mio fratello: “Considera uccello per uccello, tesoro. Leggi dei pellicani e poi scrivi dei pellicani con le tue parole. Poi informati sulle cince, e descrivile con parole tue. E poi le oche”. Quindi le due cose più importanti sulla scrittura sono: uccello per uccello e una prima bozza veramente schifosa. Se non sapete da dove iniziare, ricordatevi che ogni minima cosa che vi è successa è vostra, e raccontatela. Se le persone volevano che scriveste di loro più cordialmente avrebbero dovuto comportarsi meglio.

Vi sentirete malissimo se un giorno vi sveglierete senza avere mai scritto tutto ciò che vi sta strattonando le maniche del cuore: le vostre storie, i ricordi, le idee e le canzoni, la vostra verità, la vostra visione delle cose, con la vostra voce. Questo è davvero tutto quello che ci dovete offrire, ed è anche la ragione per cui siete nati.

7. la pubblicazione e il successo creativo temporaneo sono qualcosa da cui ti devi riprendere. Spesso uccidono le persone. Vi feriranno, vi danneggeranno e vi cambieranno in modi che non potete immaginare. Le persone più degenerate e cattive che io abbia mai conosciuto sono gli scrittori uomini, autori di famosissimi best seller. Ma, tornando al numero uno, che ogni verità è un paradosso, è anche un miracolo che il tuo lavoro sia pubblicato, che le tue storie vengano lette e ascoltate. Cerca solo di bloccare gentilmente la fantasia che la pubblicazione ti guarirà, che riempirà i buchi del groviera dentro di te. Non può. Non lo farà. Ma scrivere può farlo. Come può farlo anche cantare in un coro o in un gruppo di musica folk. Può farlo anche dipingere murales o fare bird watching, o accudire vecchi cani che nessun altro vuole.

8. le famiglie. Le famiglie sono difficili, difficili, difficili, indipendentemente da quanto care e sorprendenti possano essere. Di nuovo, vedere il numero uno. Ai raduni di famiglia dove avete improvvisi istinti omicidi o suicidi, ricordatevi che in tutti i casi è un miracolo che ognuno di noi sia stato specificamente concepito e sia nato. La Terra è la scuola del perdono. Si inizia perdonando se stessi, e poi si potrebbe anche continuare al tavolo della cena. In questo caso, potete farlo con un paio di pantaloni comodi.

Quando William Blake disse che siamo qui per imparare a sopportare la luce dell’amore, sapeva che la famiglia ne sarebbe stata un’intima parte anche se vorreste solo correre via urlando per salvare la vostra piccola vita. Ma vi assicuro che ce la farete. Ce la puoi fare Cenerentola, ce la puoi fare e ne sarai sbalordita.

9. Cibo. Cercate di fare un po’ meglio. Penso che sappiate a cosa mi riferisco.

10. La grazia. La grazia è un lubrificante spirituale, o un salvagente. Il mistero della grazia è che Dio ama Henry Kissinger e Vladimir Putin e me esattamente allo stesso modo in cui Lui o Lei ama il vostro nipotino appena nato. Pensate un po’. Il movimento della grazia è ciò che ci cambia, che ci guarisce e che guarisce il nostro mondo. In sintesi, la grazia dice: “Aiuto” e poi allaccia le cinture. La grazia ti trova esattamente dove sei, ma non ti lascia dove ti ha trovato. La grazia non avrà l’aspetto di Casper il fantasma gentile, purtroppo. Ma il telefono squillerà o quella mail arriverà e contro ogni probabilità, ritroverai il senso dell’umorismo su te stesso. La risata è veramente una frizzante santità. Ci aiuta a respirare ancora e ancora e ci restituisce a noi stessi e questo ci dà fede nella vita e nel prossimo. E ricorda: la grazia ha sempre la meglio.

11. Dio significa semplicemente virtù. Davvero non è niente di così spaventoso. Rappresenta il divino o un’intelligenza amorevole e incoraggiante, oppure, come abbiamo imparato dal grande “Deteriorata”, “il muffin cosmico”. Un bel nome per Dio è: “Non io”. Emerson ha detto che la persona più felice al mondo è quella che impara dalla natura le lezioni della preghiera. Quindi uscite molto e alzate lo sguardo. Il mio parroco diceva che puoi intrappolare le api sul fondo di un vasetto senza coperchio perché non guardano in alto, e quindi continuano a muoversi tristemente sbattendo contro le pareti di vetro. Uscite. Guardate in alto. Il segreto della vita.

12. La morte. Wow e accidenti. È difficile quando muoiono le poche persone senza cui non puoi vivere. Non supererai mai quelle perdite, e non importa cosa dica la cultura, non devi farlo. A noi cristiani piace pensare alla morte come un radicale cambio di indirizzo, ma in ogni caso, la persona continuerà a vivere nel vostro cuore se non lo sigillerete. Come disse Leonard Cohen: “Ci sono crepe in tutte le cose, ed è così che entra la luce”. È così che sentiamo i nostri cari vivi di nuovo. In più, quelle persone vi faranno ridere di gusto nei momenti più sbagliati, è questa è davvero la buona notizia. Ma la loro assenza sarà per voi anche un incubo eterno di nostalgia. Il dolore e gli amici, il tempo e le lacrime in parte vi guariranno. Le lacrime vi bagneranno e vi battezzeranno e idrateranno voi e il suolo su cui camminate.

Sapete quale fu la prima cosa che Dio disse a Mosè? Gli disse: “Togliti le scarpe”. Perché questa terra è sacra, nonostante le apparenze. È difficile da credere ma è la cosa più vera che io sappia. Quando si è un po’ più vecchi, come lo sono io, si capisce che la morte è sacra tanto quanto la nascita. E non preoccupatevi, andate avanti con la vostra vita. Quasi ogni morte è semplice e delicata con le persone migliori che vi circondano per tutto il tempo necessario. Non sarete soli. Vi aiuteranno ad andare verso qualsiasi cosa vi stia aspettando. Come ha detto Ram Dass: “Quando tutto è stato detto e fatto non ci rimane che accompagnarci a casa l’un l’altro”.

Penso che sia tutto, ma se mi viene in mente qualcos’altro, ve lo farò sapere.

“La gente è molto spaventata e si sente condannata oggi, e io vorrei solo aiutare le persone a trovare il loro senso dell’umorismo e a capire quante cose non siano un reale problema. Se fai qualcosa, fai qualcosa di veramente sano, affettuoso o gentile, avrai sensazioni positive e d’amore.”

Anne Lamott

Un po’ di umorismo anche su temi importanti non guasta mai!

Spero sia piaciuto anche a te che leggi 🙂
Ti auguro un buon weekend e come sempre, grazie per la visita ❤️
Roberta 💋

 

‼️ 👇

Iscriviti per poter leggere nuovi post e rimanere aggiornato 🙂 - Il tuo indirizzo email è al sicuro. Non sarà condiviso e non invierò mai contenuti spam.

Segui assieme ad altri 171 follower

Annunci

Pubblicato da

Ambiziosa, determinata e indipendente già dai primi passi verso il mondo esterno. Amante del sorriso e della positività. Ex stacanovista che ha completamente rivoluzionato la sua vita rischiando e abbattendo la sua zona comfort. Adora il contatto umano come nutrimento dell'anima e la condivisione di esperienze, elementi essenziali, che hanno contribuito all'apertura di questo "contenitore di emozioni" realizzato con il cuore... di una donna, neomamma, moglie e instancabile sognatrice!

3 risposte a "12 verità che ho imparato dalla vita e dalla scrittura – Se fai qualcosa, fai qualcosa di veramente sano, affettuoso o gentile, avrai sensazioni positive e d’amore."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.