Non posso fare altro che condividere!

Insegniamo ai nostri figli ad accontentarsi, insegniamo loro a godere di ciò che hanno, insegniamo loro ad utilizzarlo al meglio, a farlo fruttare.

Insegniamo ai nostri figli a vedere le piccole cose, a riconoscerne il valore, ad apprezzarle ogni volta che le hanno.

Insegniamo ai nostri figli a rimboccarsi le maniche, a non lamentarsi degli altri, a riconoscere le proprie doti e i propri meriti; però insegniamo loro anche a trovare da sé i propri difetti, magari provando a correggerli di tanto in tanto.

Insegniamo ai nostri figli ad aiutarsi gli uni con gli altri, a non avere pregiudizi, ad informarsi e conoscere prima di farsi un parere. Insegniamo loro a non credere a tutto quello che sentono, a cercare sempre di capire, a non fermarsi alla prima impressione.

Insegniamo ai nostri figli ad avere fiducia nel prossimo, a cercare il buono nelle persone. Insegniamo loro che se mostrano genuino interesse e se dimostrano di non aspettarsi sempre il peggio, spesse volte otterranno qualcosa di positivo. E insegniamo loro che quando non accadrà, sarà una buona occasione per imparare, ma non per perdere la speranza.

Insegniamo ai nostri figli che fare a gara a chi è più sfortunato lascia il tempo che trova, che ognuno ha il suo percorso, che l’importante è fare il possibile. Insegniamo loro che non c’è qualcuno più degno e qualcuno meno degno di essere aiutato e sostenuto, ma che tutti, in quanto esseri umani, dovrebbero avere dignità ed essere trattati con rispetto.

Insegniamo ai nostri figli che a volte accadono cose terribili. Insegniamo loro che quello è il momento per chiudere la bocca e far lavorare le braccia: che sia per aiutare o per dare conforto non conta, l’importante è fare. Insegniamo loro che quello è il momento per essere uniti: insegniamo loro che non si facciano ingannare dalla paura, o dal dolore, che non cerchino un capro espiatorio, che non cerchino qualcuno a cui dare la colpa, che non si accaniscano gli uni sugli altri, ma che cerchino il modo per collaborare e per costruire insieme.

Insegniamo ai nostri figli che il mondo è un bel posto. Insegniamo ai nostri figli che le cose brutte che accadono sono solo dettagli e che ci si deve concentrare sul resto se non si vuole rimanere intrappolati nella tristezza, nella rabbia, nel rancore. Insegniamo ai nostri figli che se sapranno affrontare le tragedie dandosi manforte l’uno con l’altro, non ci sarà mai qualcuno che verrà lasciato solo.

Sono giorni difficili, questi. Giorni in cui il freddo dell’inverno arriva a pungere anche dentro, nelle viscere, ad ascoltare quello che accade intorno a noi.

Il terremoto, il gelo, la natura che, impietosa, sta mettendo in ginocchio persone innocenti, lasciandole a implorare una tregua, un minimo di serenità.

Ma anche le guerre, la povertà, la malignità dell’uomo che, senza scrupoli, si riversa sui più deboli, mettendoli in fuga, lasciandoli senza un futuro.

La paura, il dolore, l’ansia di non sapere cosa ancora potrà accadere. La guerra tra poveri costretti a scavare sul fondo per trovare qualche briciola.

Osservando da qui, nelle nostre case, queste tragedie è facile puntare il dito, è facile sputare sentenze, è facile cercare colpevoli. È facile, anche, voltarsi dall’altra parte e non pensarci più.

Difficile è, invece, fermarsi a pensare. Fermarsi a chiedersi quanto e cosa tutto questo possa insegnare.

E allora dopo aver insegnato ai nostri figli a non farsi abbattere, a collaborare, a darsi da fare, guardiamoli nei loro occhi limpidi e chiediamo loro di insegnarlo anche a noi.

“Conta i fiori del tuo giardino, non le foglie che cadono.”
(Cit. R. Battaglia)

via Ogni tragedia dovrebbe insegnare… — Dott.ssa Giulia Schena

Annunci

Pubblicato da

Ogni giorno mi svegliavo con il broncio, stufa della mia vita, 14 anni tra infanzia, adolescenza e responsabilità e 14 di lavoro. “Roberta sei fortunata hai un bel lavoro!”, “Non ti puoi lamentare!”, “Non puoi avere tutto dalla vita, ti devi accontentare!” Io non mi sono mai accontentata, un posto fisso o un entrata a fine mese non può darti la felicità. Non ero felice. La mia vita era la solita routine, non avevo stimoli, non nutrivo le mie passioni, non avevo più una vita privata. Fino a quando un giorno mi sono presentata nell’ufficio del direttore della mia azienda e ho presentato le DIMISSIONI! Hai letto bene, non ho deciso di prendere un’aspettativa, ma dare le dimissioni! “Sei pazza!” No non lo sono :D , è vero ho sempre lavorato, ma non avevo il “gruzzoletto” necessario per cambiare la mia vita. Così grazie alla liquidazione ho deciso di “mollare tutto” e vivere da “espatriata” in diverse località. Ed eccomi qui, nella mia ultima tappa definitiva, nonostante l’amore immenso per il sole, il mare e le belle giornate, mi sono trasferita in SVIZZERA! Per la prima volta nella vita, da quando sono partita sono riuscita a dedicarmi a me stessa, seguire le mie passioni e vivere come più mi piace. Sono affamata di sapere, mi piace imparare il più possibile, mi piace divorare libri, scrivere tutto quello che mi passa per la testa, fotografare la bellezza di ogni luogo e poi…la musica, preziosa compagna di vita. Viaggiare, conoscere, assaporare, vivere davvero come vogliamo, secondo me, sono le cose più importanti della nostra vita. Chiedetemi se sono felice..! Quest’anno ho ricevuto il regalo più bello, e il 2016 per me è iniziato con tanto amore e gioia. In questo preciso istante una piccola vita è dentro di me, che cresce giorno dopo giorno e quindi cari compagni di viaggio, saremo in due a scrivere davanti questo pc e a lanciare questo blog ^^’ Buon proseguimento e, se volete, seguite le mie avventure da neopancina :bear: :P Grazie per la visita <3

One thought on “Non posso fare altro che condividere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...